Una storia che lascia ben sperare sull’umanità di un mondo che, spesso, sembra invece averla persa.

Protagoniste sono una giovane mamma, studentessa e lavoratrice, e la sua docente universitaria.

La mamma studentessa, la docente e la bambina

La 21enne Morgan King, mamma single di Korbyn e studente di Ricreazione Terapeutica all’Università del Tennessee, lavora in un ristorante per mantenere la figlia.

Il 14 giugno scorso, la ragazza non è riuscita a frequentare una lezione importante poiché non aveva trovato nessuno che si prendesse cura della figlia.

Per scusarsi e giustificarsi con la professoressa Sally B. Hunter, la ragazza ha scritto una mail.

Le parole di risposta della prof, tuttavia, l’hanno talmente stupita che ha deciso di pubblicarle su Twitter.

LEGGI ANCHE: Il film che racconta la vita dopo l’università: qui in streaming integrale

La risposta della prof

Oltre al rammarico per la non presenza della ragazza, la professoressa ha invitato Morgan a portare la figlia a lezione, nei casi in cui non riuscirà ad organizzarsi in altro modo.

“Ci chiedevamo dove fossi questa mattina”.

“In futuro, se avrai difficoltà a trovare qualcuno che stia con Korbyn, non esitare a portarla in classe con te”.

Sarei assolutamente lieta di tenerla mentre insegno, in modo che tu possa prestare attenzione e prendere appunti”.

“Lavoro per il dipartimento Bambini e Famiglia, quanto sarebbe terribile se non fossi disposta ad avere una bambina a lezione? La mia offerta è molto seria… Porta Korbyn con te!“.

La pubblicazione della lettera su Twitter, chiaramente, ha scatenato tantissime reazioni positive in tutto il mondo.

Tanto che la docente ha inviato un’altra mail alla ragazza.

“A quanto pare ci hai rese famose su Twitter. Non posso credere che così tante persone stiano reagendo alla mail che ti ho inviato. Penso che l’idea di invitare Korbyn in classe fosse l’unica cosa giusta da fare”.

LEGGI ANCHE: Oxford e Cambridge migliori università del mondo: in top 200 c’è Pisa

2 commenti

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here