È stata una cavalcata delle sue, la lezione magistrale di Paolo Conte, che all’Università di Parma ha ricevuto la laurea ad honorem in “Linguaggi musicali della contemporaneità”.

Cerimonia affollatissima nell’Aula Magna, dove “l’avvocato di Asti” si è laureato in Giurisprudenza oltre cinquant’anni fa, nel 1962. 

«Paolo Conte ha saputo imprimere un segno indelebile nella storia della musica, grazie a uno stile inconfondibile e personalissimo».

Così ha spiegato, nella sua introduzione, il Rettore Paolo Andrei, che ha concluso rivolgendosi direttamente a Conte.

«Credo, caro Maestro, che oggi sia il segno tangibile dell’ammirazione e della profonda stima che la Comunità Accademica parmense desidera dimostrarle».

LEGGI ANCHE: Con la Carta internazionale dello Studente, offerte e sconti in 125 Paesi

Paolo Conte laureato ad honorem

Paolo Conte ha poi ricevuto la pergamena di professore ad honorem, un’opera d’arte appositamente realizzata dall’artista Giorgio Tentolini.

Infine ha chiuso con una lezione magistrale, dedicata alle fonti d’ispirazione della sua lunga carriera e alle forme musicali del ‘900.

«Quando nel 1985 i giornalisti francesi mi chiesero il mio stile, mi sono inventato “confusion mentale fin de siècle”, cioè “confusione mentale di fine secolo”».

Una definizione ritornata a fine intervento: «Come mi sento oggi nei confronti della musica? Confusione mentale di inizio secolo».

LEGGI ANCHE: Le 8 persone insopportabili agli esami: guida rapida

Terzo titolo accademico per l’avvocato

Il titolo ricevuto si aggiunge agli altri tre già conferiti a Paolo Conte da altrettanti Atenei italiani:

  • Lettere Moderne dall’Università di Macerata (2003;
  • Diploma accademico honoris causa in pittura dall’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro (2007);
  • Laurea honoris causa in Musicologia dall’Università di Pavia (2017).

Il video del conferimento della laurea

Il video inizia al minuto 19:40.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here