Si sa, ogni facoltà ha i propri luoghi comuni ed i propri stereotipi di studenti… vediamone insieme qualcuno! Ragazzi, non ve la prendete… si fa per ridere!

Gli studenti di Giurisprudenza

Se la tirano per il sol fatto di frequentare una facoltà cosi tradizionale; al peggio delle possibilità finiscono a fare fotocopie in uno studio legale e non ad imbustare la spesa all’Esselunga.

È una delle lauree che forse frutta più profitti in assoluto. Ascoltano il telegiornale con la consapevolezza di chi conosce quello di cui stanno parlando.

Gli studenti di Ingegneria

Vantano un cervello (eccettuati gli iscritti a quella gestionale che subiscono le offese degli studenti di economia).

Descritti come i sempre curiosi, come gli interessati, i nerd della situazione.

Disperati gli uomini che la frequentano a causa della residua quantità di donne presenti in mezzo a loro.

LEGGI ANCHE: Studenti di ogni università e facoltà: stereotipi o realtà? Il video

Gli studenti di Medicina

Sono gli unici con un futuro pressoché assicurato. Si vocifera che chiudereste il corso di studi con un’immediata occupazione in ospedale.

Pare che fino a quel momento la vita sociale sia miraggio pure ad occhi chiusi.

Sono la fortuna degli amici: basta un mese di corso al primo anno per chiedere loro una diagnosi particolareggiata circa un sospetto prurito ombelicale.

Gli studenti di Moda, Fashion design, Fashion styling, Design d’interni

Possibile solo a fighe, gnocche, ricchi e gay.

Frequentano qualsiasi ambiente che consenta un mucchio di foto, una serie di inviti a sfilate d’ogni genere e la chance di scoprire quale parte del corpo non si è ancora rifatta Donatella Versace. Guadagnano un sacco di soldi da spendere in Cosmopolitan per il futuro.

Conoscono solo omosessuali, (questione che riduce drasticamente gli incontri sentimentali d’ogni donna etero); studiare può voler dire comprare tessuti che costano quanto un affitto a Miami.

Nutrono un sentimento di forte disprezzo verso chiunque pratichi il fashion blogging (ChiaraFerragniMMMerda motto di vita).

Gli studenti di Economia

Credono che tutto il mondo giri attorno all’economia e probabilmente hanno ragione dato che l’universo è mosso dai soldi (e dalle donne).

Ciononostante, per loro qualsiasi cosa è strettamente connessa all’economia, tanto da proporre che i veterinari siano preparati in contabilità e bilancio, oltre che in cultura del pelo canino.

Subiscono la potenza indiscussa della Bocconi e lottano quindi contro lo spietato fenomeno.

LEGGI ANCHE: Con la Carta internazionale dello Studente, offerte e sconti in 125 Paesi

Gli studenti di Scienze della comunicazione

Eternamente presi per culo; si pensa studino le dinamiche di costruzione di un Kinder fetta al latte.

Gli studenti di Lettere

“Cosa vuoi fare da grande? Il docente di italiano al liceo?”

Gli studenti di Filosofia

Gli alternativi. Fanno scelte guidate dallo studio scolastico del noto Abbagnano, manuale senza tempo.

Sperano in una biografia su Wikipedia degna di Hegel, vogliono cambiare il mondo, finiscono in cattedra alle superiori.

5 commenti

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here